fbpx

GIULIO NULLI E MANUEL MORICONI: DUE SPARTANI A CONFRONTO!!

folder_openNews

Oggi facciamo un’intervista “diversa” dal solito, un’intervista doppia con due ragazzi poco noti al mondo del podismo su strada ma molto più noti se si parla di TRAIL o di gare di SPARTAN. Parliamo con GIULIO NULLI e MANUEL MORICONI due atleti che fanno parte del SPARTANTEAM ITALY ELITE e hanno al loro attivo diversi podi su gare importanti del circuito SPARTAN.

GIULIO NULLI classe 1990 è un biologo-nutrizionista che esercita con molta passione la sua professione vive a Spoleto e lavora spostandosi un po’ tra Foligno, Civitanova Marche e Terni.

MANUEL MORICONI nasce a Gubbio nel 1991 e di mestiere fa l’agricoltore, è un ragazzo molto genuino e semplice e questo è quello che ci piace di lui.

Ciao Manuel, Ciao Giulio..allora cominciamo con una domanda per voi magari banale ma per noi, che “non siamo del mestiere”, fondamentale. Cosa si intende con il termine SPARTAN? Cioè in cosa consiste una SPARTAN?”

Manuel: “Per SPARTAN si intende una corsa con ostacoli, simile ad un percorso militare. Nasce con l’idea di portare il proprio fisico al limite; per questo l’atleta “spartano” deve essere completo in tutto: veloce, resistente, forte, esplosivo, agile e anche molto concentrato. Come qualsiasi tipo di competizione è suddivisa in diverse distanze: sprint 5km 15 ostacoli, super 10km 20 ostacoli e beast 21km e 25 ostacoli.”

Giulio: “Concordo con la definizione di Manuel.”

Come vi siete avvicinati al mondo SPARTAN? Prima praticavate altri sport?”

Manuel: “Mi sono avvicinato al mondo SPARTAN grazie alla palestra CROSSRULEZGUBBIO dove tutt’ora mi alleno e vengo seguito dal mio allenatore Matteo Calzuola. È iniziato tutto per scherzo, per provare, per fare una “cazzata” per poi diventare uno stile di vita, un obbiettivo. Da piccolo, come tutti i ragazzi, avevo cominciato con il calcio e poi con il crescere mi ero avvicinato al CROSSFIT.”

Giulio: “Sinceramente, per caso! Prima esattamente come Manuel giocavo a calcio ma, poi crescendo durante il periodo universitario ho abbandonato gli allenamenti perché non riuscivo più a conciliarli con gli impegni di studio. Ho iniziato ad andare in palestra perché fisicamente ero diventato veramente magro e non mi piacevo! Lì ho incontrato un trainer, Alessandro Coccetta, che allenandomi mi proponeva di continuo di iscrivermi con i “Crazy Runners” e provare la gara SPARTAN di Orte nel 2017. Io ho sempre rifiutato perché non mi sentivo minimamente pronto per affrontare una gara simile finché, un giorno mi si presenta con la  maglia della sua squadra con scritto il mio nome per la SPARTAN  di Orte. Ho accettato la sfida e ho cominciato ad allenarmi; era gennaio, la gara di ORTE sarebbe stata ad aprile.”

Sappiamo che avete anche una vita lavorativa e quindi che gli allenamenti vanno conciliati con gli impegni di tutti i giorni, come riuscite ad organizzarvi?”

Manuel: “Lavorando in agricoltura i miei allenamenti vanno in base alle stagioni, ci sono periodi in cui riesco a dedicare piú tempo ed energie, fisiche e mentali, all’allenamento mentre, in altri la mia priorità è il lavoro, quindi mi alleno quando e se riesco a trovare del tempo.”

Giulio: “E’molto difficile! Perché gli allenamenti sono di solito strutturati sul tempo che ho a disposizione; presto la mattina, spesso ad ora di pranzo o tardi la sera se durante il giorno non riesco! Cerco di recuperare nel fine settimana, i lavori più lunghi e a volte se riesco mi alleno anche due volte nello stesso giorno; allenamenti corti ma di qualità! Ci sono giorni o periodi nei quali il lavoro non mi permette di allenarmi, ma cerco sempre di trovare del tempo per farlo. Avendo poco tempo non ci sono condizioni metereologiche che temo, quindi vento, pioggia, freddo o caldo se posso vado ad allenarmi!”

E quindi, conseguentemente, come si svolge una vostra settimana tipica di allenamento, visto che immagino che gli allenamenti si alterneranno tra palestra, corsa e allenamento su ostacoli? E quale è l’aspetto che va maggiormente allenato?”

Manuel: “L’aspetto che va maggiormente allenato, a mio parere, é la corsa, quindi dedico il 70% dell’allenamento a questa, 5 giorni su 7, e il restante 30% lo dedico alla forza. Per quanto riguarda gli ostacoli occupano una parte molto marginale dell’allenamento.”

Giulio: “La testa è l’elemento decisivo! Si devono considerare tante cose e non bisogna perderne di vista nessuna! Il nostro sport è corsa, resistenza, abilità, equilibrio, tecnica ma, sicuramente la corsa è sicuramente  la più determinante e quella che va più allenata, perché tra un ostacolo e l’altro si corre! Quindi io mi alleno principalmente sulla corsa; solitamente vado in Trail, limito le corse su strada solo allenamenti di qualità. Due volte a settimana vado in palestra per lavori specifici che riguardano gambe e parte superiore del corpo. Di solito nel fine settimana, dopo qualche uscita in Trail, faccio una piccola sessione di ostacoli; in sostanza cerco di allenarmi tutti i giorni, facendo solo un giorno di riposo a settimana.”

 

Quali sono gli allenamenti che vi hanno fatto fare il “salto di qualità” per vincere alcune tappe SPARTAN?”

Manuel: “Senza ombra di dubbio l’interval training é stato l’allenamento che ha fatto la differenza nella mia preparazione.”

Giulio: “Bella domanda! Non saprei con esattezza, è stato un insieme di cose! Sicuramente i lavori specifici a circuito che abbiamo imparato all’inizio, in cui si alternavano esercizi a frazioni di corsa. Anche se, per quanto mi riguarda, ho imparato molto allenandomi insieme ad altri tipo Manuel, per esempio, dal quale ho appreso molte cose! Confrontarci porta sempre ad un miglioramento per me; poi ognuno di noi hai un elemento più forte o più debole ma allenandoci insieme ci compensiamo!”

So che spesse volte vi allenate insieme, e questo secondo me è tanto stimolante. Visto che credo che  allenarsi insieme faccia migliorare le performance di entrambi vi chiedo se questo secondo voi è vero.

Manuel: “Secondo me l’allenarsi insieme porta a dei risultati positivi; avendo io e Giulio un livello simile allenarsi insieme crea uno stimolo soprattutto mentale.”

Giulio: “Per me è fondamentale! Nelle gare come negli allenamenti riuscire ad arrivare a correre vicino ai più forti è uno stimolo mentale pazzesco! Se gli allenamenti vengono fatti insieme, si migliora velocemente!”

Chi di voi due è più forte? (domanda bastarda!!!)

Manuel: “Io 😂😂😂😂😂😂😂…molto sinceramente!!”

Giulio: “Manuel senza ombra di dubbio! 🤣”

Quali sono i vostri punti DEBOLI e i vostri punti di FORZA?

Manuel: “Per quanto mi riguarda la corsa é il mio punto debole mentre mi sento preparato nella forza, soprattutto nei trasporti.”

Giulio: “Dobbiamo sempre migliorare in tutto perché mano a mano che diventiamo più veloci, abbiamo difficoltà maggiori! Personalmente nelle gare con dislivello non mi trovo male, anche sui trasporti; riesco, comunque, a tenere un buon tempo! Gli ostacoli in sospensione sono a volte un po’ostici per me!”

Come si struttura un tipico allenamento SPARTAN?

Giulio: “Dovendo allenare diverse “discipline” è abbastanza difficile spiegare un tipico allenamento. Diciamo che solitamente facciamo degli interval training con dei lavori specifici per migliorare i trasporti e le sospensioni. Quindi magari facciamo allenamenti di circa 30/50 minuti dove alterniamo a circuito questi esercizi specifici e corsa, in salita o in piano. Poi chiaro che ognuno cercherà di allenare la “disciplina” nella quale è più penalizzato ma, comunque, la corsa riveste una buona parte dell’allenamento.”

Manuel: “Concordo pienamente con quanto detto da Giulio, l’interval training che ci permette di alternare esercizi a corsa è uno degli allenamenti tipici per preparare una gara di Spartan. Anche io, come Giulio, prediligo comunque allenamenti di corsa.”

Prossimi impegni e obiettivi futuri?

Manuel: “Mi piacerebbe fare un buon risultato nelle spartan series italiana e francese. Prossima gara spartan Carcassone, valida per la series.”

Giulio: “Tutta la stagione Spartan 2024! Vorrei conquistare più risultati possibile, cercare di fare bene agli europei di Kaprun, in Austria per poi ripartire per un 2025 da condurre meglio del 2024. Ogni anno cerco di migliorare quello che ero l’anno prima!”

Nel frattempo che abbiamo fatto questa intervista si è svolta la prima tappa del Campionato Italiano di SPARTAN a Gubbio, proprio dove vive Manuel. Le gare in casa sono vissute sempre in maniera particolare, almeno così vale per me, l’adrenalina che si prova è diversa da quella che si ha in un’altra gara. Manuel è salito a podio in entrambe le gare, terzo nella best di 21 km e primo nella super di 10km. Bravo Manuel!! Per Giulio purtroppo un piccolo infortunio l’ha costretto al ritiro ma siamo molto fiduciosi che riprenderà in fretta per riprendersi il posto che gli spetta.

Noi di TOP RUNNERS ragazzi vi facciamo i più grossi in bocca al lupo per tutto ricordandovi che saremo al vostro fianco!!!

Condividi questo post su:
keyboard_arrow_up
×